HOME

C'era una volta...

...il Trio La Zag


Così ci ricorderanno ancora in molti, qui a una delle prime uscite con il nostro programma di canzoni.

Il vero inizio fu... nella culla, perché i fratelli Franco e Loreno Ferrarese, otto anni di distanza l'uno dall'altro, hanno fatto musica da sempre.
Franco, il più vecchio (ehi! si fa per dire!) prese la chitarra in mano a 12-13 anni e ben presto fondò a Bolzano parecchi complessi che suonavano un po' di tutto. Nel suo quartiere fu il primo a fracassare le orecchie dei vicini con una chitarra elettrica.
Quando Franco se ne andò all'estero per un lavoretto estivo (ci trovò però gusto e tornò dopo 12 anni!), Loreno prese a sua volta in mano la chitarra e... via a rispaccare i timpani ai vicini!
Elfriede, dal canto suo, alla stessa età di Franco (si sarebbero conosciuti quasi un decennio dopo) ce la metteva tutta con il pianoforte e a scuola (abitava vicino a Innsbruck) con l'organo da chiesa.

Quando Elfriede e Franco dopo lo studio, già attrezzati di ghironda, cornamusa, flauti, organetto, tamburi (e chi più ne ha, più ne metta!), piantarono le tende a Merano e cominciarono a suonare per i castelli, ecco che Loreno si associò subito - con la chitarra prima, e poi con il liuto.

Era il 9 settembre 1986. La manifestazione si chiamava "Insieme per voi" e venne anche ripresa dalla RAI: La prima uscita ufficiale dei La Zag.
Dopo le cose vennero un po' a valanga. Sicuramente le prime tappe importanti furono la partecipazione musicale alla "Hammelkomödie" dei Rittner Sommerspiele (regia di Erich Innerebner) e alla Liederszene (119KB) Südtirol del 1987 con la canzone "Cade la pioggia" (e poi a quella dell'88 con "Vento") che girò per le radio e che la gente canticchia ancora oggi (sentite il recente remix=395KB/mp3).

Dalla fine del 1997 Loreno non fa più parte del gruppo, comunque non ha smesso di suonare, anzi!
Se volete sentire cosa fa attualmente, qui il suo indirizzo: lorenoferrarese@tin.it.

Grazie, Loreno, per tutti gli anni di bella musica che abbiamo fatto insieme!


E altrettanto così - a una delle tante feste private che abbiamo accompagnato con le nostre musiche medievali e rinascimentali.

Eccoci a un altro concerto di canzoni, sullo sfondo le prime locandine della nostra "carriera".
FAQ: "E dov'è ora la "bionda" dei La Zag?"
Un'uscita in smoking non poteva mancare! Qui di nuovo a una festa privata.